É tempo di rallentare

Sii ciò che ti rende felice

É tempo di rallentare

É ORA DI RALLENTARE 

 

Viviamo una vita troppo “accelerata”.

I nostri pensieri sono “accelerati”. 

I nostri comportamenti, soprattutto nel mondo digitale, sono “accelerati”.  

La nostra mente è in trappola non poche volte durante la giornata e spesso non ne siamo affatto consapevoli.

Forse ti sarai posto anche tu queste domande: 

  • Perchè non riesco ad essere produttivo? 
  • Perchè sono sempre preoccupato?
  • Perchè in questo periodo non sono ispirato? 
  • Perchè non ho idee geniali per scrivere o argomentare su contenuti di valore? 
  • Perchè ho difficoltà ad addormentarmi? 
  • Perchè mi sveglio con una sensazione di stanchezza? 
  • Perchè ho mal di testa improvvisi? 

La radice di tutti questi disagi, spesso, dipende proprio dal nostro modo di pensare. 

Ne parlo nel mio libro “Il passo della sosta”, ed è il sottostante di tutte le mie ricerche scientifiche.

▶️ E’ il primo pilastro del percorso formativo che seguono tutti i miei clienti che vogliono valorizzare la propria unicità e spiccare il volo, potenziando la propria comunicazione on line e posizionandosi come esperti del proprio settore, con autorevolezza, costanza e focus.

👁‍🗨 Uno dei miei recenti studi sulle neuroscienze mi ha condotta ad approfondire in particolare la cosidetta “sindrome del pensiero accelerato” (SPA), la nuova ansia nell’era digitale per via dall’eccesso di informazioni, attività, preoccupazioni e pressioni sociali che riceviamo ogni minuto. 

E’ utile anche a te se ti sei posto almeno una delle domande di cui sopra.

Secondo il Dr. Augusto Cury, che ha scoperto la SPA, abbiamo cambiato, in modo irresponsabile, il processo di costruzione dei pensieri.

Lo psichiatra sostiene che l’eccesso di informazioni e l’intossicazione digitale causino l’attivazione di un “trigger” della nostra memoria e un grande numero di finestre aperte e continuamente sospese, motivo per cui perdiamo il focus e la concentrazione. 

Un po’ quello che ci accade quando siamo in modalità “multitasking”. 

Ecco perchè abbiamo un’enorme e sterile velocità di pensieri, la maggior parte inutili. 

🔻Per questo motivo ci capita di leggere una pagina di un libro o di un blog e non ricordiamo nulla.

🔻Per questa ragione non riusciamo a strutturare il nostro tempo, galoppa il caos e siamo sfiduciati per la mancanza di direzione e di risultati.

🔻Per questo stesso identico motivo non riusciamo a creare contenuti trasformativi e d’impatto sui nostri Social Network.

🔴La “sindrome del pensiero accelerato” è molto dannosa per la nostra salute, ma anche per la nostra creatività. 

I pensieri sono come semi che riproducono piante!!

Se i nostri pensieri sono positivi, riproducono piante rigogliose.

Se i nostri pensieri sono negativi, riproducono piante velenose!!

💡Qual è la soluzione? 

Intanto facciamo la nostra parte per contrastare il più possibile il fenomeno del negativity bias. 

👁‍🗨Il negativity bias , lo ricordo, è un bias innato che abbiamo tutti e che ha salvato i nostri antenati per sopravvivere.

E’ l’istinto umano a sovrastimare le minacce e sottostimare le opportunità.

La tendenza a prestare maggiore attenzione alle cattive notizie deriva da un adattamento evolutivo per proteggerci dai pericoli.

Il problema inizia quando il bias di negatività si diffonde a tutte le sfere della vita, alimentando una visione pessimistica, soprattutto in questo periodo in cui i media, i giornali, e le principali fonti di notizie ci fanno credere che il mondo è un luogo pericoloso e ostile dove non possiamo mai abbassare la guardia.

Quindi non è difficile cadere nell’ansia, nella depressione, nel panico, nella paralisi emotiva!!!

💡Qual è la soluzione?

❤️ RALLENTARE!!!

Tornare al proprio centro e “spegnere” tutto il rumore esterno è la strada per “ritrovare la strada”!!

Occorre prendersi il tempo per vivere!!

Niente affanno!!!

La sosta, all’interno di qualsiasi cammino, è elemento fondamentale per rimettere ordine alle idee, riorganizzarci, rifocillarci, entrare in contatto con la nostra creatività e ripartire con nuovi stimoli e nuova forza.

Spero ti sia servita questa riflessione!!

Se vuoi approfondire trovi su Amazon un estratto gratuito del mio libro “Il passo della sosta”.

Ti lascio il link nei commenti 👇

Buon week end ❤️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *