Non fare lo struzzo

Sii ciò che ti rende felice

Non fare lo struzzo

Spesso lottiamo contro il tempo, il sovrano assoluto della nostra vita. Ci sono sempre troppe cose da portare avanti e spesso l’ansia del non riuscire a completare tutto ci assale. Con questo articolo vorrei cercare di esplorare alcuni strumenti che ho imparato ad utilizzare per addomesticare il tempo e farlo diventare un mio alleato.

  • Partiamo dalla Legge di Pareto: il 20% delle nostre attività genera l’80% dei risultati. Le persone di successo, infatti, NON fanno tutto, sanno focalizzarsi sulle mansioni principali e le portano a temine bene. Si concentrano su ciò che conta. E’ una scoperta da considerare scegliere in base all’importanza!! Molto spesso invece ci ostiniamo a svolgere una serie di attività, anche molto bene, ma che non sono affatto prioritarie ed importanti per raggiungere i nostri risultati.

Sapete qual è la sfida?

Resistere alla tentazione di affrontare per primi i compiti da poco!!

  • La conseguenza del rispetto della legge di Pareto è una sana  procrastinazione creativa. La maggior parte delle volte pratichiamo una sorta di procrastinazione inconscia. Rimandiamo senza riflettere e spesso finiamo per mettere in secondo  piano i compiti più importanti. Partiamo sicuramente dal presupposto che fare tutto è impossibile e che concentrarsi sulle attività prioritarie è la strada più intelligente. Ma quali sono le attività da procastinare, demandare o addirittura eliminare? Per far diventare il tempo nostro alleato dobbiamo rinviare deliberatamente i compiti di scarso valore aggiunto per la nostra vita, in modo da poterci occupare delle attività che fanno davvero la differenza per nostra vita e la nostra carriera.

Come liberare il nostro tempo?

Facciamo caso a tutto quello che facciamo fuori dal contesto lavorativo (a lavoro si potrebbe aprire una parentesi gigante “per non fare gli struzzi”). Per esempio diminuire le ore davanti alla tv e dedicare più tempo alla lettura, diminuire il tempo di navigazione sui Social Network e dedicare più tempo ad un familiare o un amico, diminuire il tempo di stare dentro i centro commerciali e dedicare più tempo per l’esercizio fisico al verde, in un bel parco, diminuire il tempo in vacanza di stare sdraiati su un lettino a prendere il sole e dedicarlo per una bella escursione in mezzo alla natura, diminuire le ore di ascolto passivo della radio in macchina e aumentare la scelta oculata di podcast interessanti da ascoltare per acculturarci.

Ricapitolando: per essere felici, avere successo, sentirsi efficienti e padroni delle proprie capacità, dobbiamo tirare fuori la testa dalla sabbia. 

Siamo tutti persone speciali ed ognuno di noi ha un valore unico, delle doti uniche che messe debitamente a frutto possono fare di noi dei capolavori.

“Non limitarti a rendere il servizio dovuto, a fare ciò che ci si aspetta da te; aggiungici un pizzico di tuo, così, per pura generosità. Quell’omaggio personale, per modesto che sia, varrà, da solo, quanto tutto il resto.”  (Dean Briggs)

2 risposte

  1. irene ortega ha detto:

    ciao, la tua rubrica é davvero molto interessante, complimenti!

    • Caterina Schiappa ha detto:

      Grazie Irene, quali argomenti ti hanno colpito di più? Potrebbe essere utile attivare una condivisione anche sui Social Network di Digital Bench. Grazie ancora per il commento!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *